Noi e gli alieni

Chiacchere in Libertà. Potete presentarvi qui

Moderatori: lozeno, Darth Orion

Noi e gli alieni

Messaggioda Nahafas » mar apr 14, 2009 7:23 pm

Ok, so che può sembrare un topic scemo, ma mi stavo chiedendo: voi credete che esista vita extraterrestre?
Come ve la immaginate?
Ritenete che gli avvistamenti di UFO, cerchi nel grano eccetera siano prove dell'esistenza di altri esseri senzienti?
Secondo voi l'uomo arriverà mai a poter viaggiare da un sistema solare ad un altro?
A voi la parola... :)
Avatar utente
Nahafas
Maestro Jedi
Maestro Jedi
 
Messaggi: 382
Iscritto il: gio set 04, 2008 12:00 am
Località: Ciano d'Enza (RE)

Messaggioda Reaven » mar apr 14, 2009 7:59 pm

mah.. cerchi nel campo mais ecc ecc secondo me un mare di caxxate..
però ci credo che la fuori ci sia altro.. non possiamo esistere solo noi..
per quanto riguarda viaggiare lontano.. mah.. se l'uomo non si autodistrugge prima...
"..ci sono varie tattiche da poter adoperare.. ma nessuna di quelle mi piace se alla fine non ha un certo.. botto.. "
" li amazzo tutti!- ok hai 30 secondi!- ..?- 30 29 28- tin tin tin.. BOOOM "
Rhadè- oramai ex Soldato repubblicano
Avatar utente
Reaven
Bananetta
Bananetta
 
Messaggi: 595
Iscritto il: gio lug 17, 2008 12:00 am
Località: parma

Messaggioda lozeno » mar apr 14, 2009 8:00 pm

Vita extraterrestre? Altamente probabile, vista la quantità di stelle e relativi pianeti presenti nelle varie galassie, più o meno avvistate. Dò per scontato, visto che non hai posto restrizioni, che per extraterrestre tu intenda "ovunque al di fuori della Terra", quindi in un qualsiasi posto in questo od altri universi.

Come me la immagino? NON la immagino. Come dicevano i Bluvertigo "se non esistessero i pesci, riusciresti ad immaginarli?", quindi non avendo mai visto vita extraterrestre, non riesco a immaginarla (e sicuramente, se me la immagino la immagino "sbagliata").

UFO eccetera, non penso che siano alieni. Dato che ora è stato de-classificato il 70% dei documenti delle basi segrete americane (inclusa la tristemente nota Area 51) e si è scoperto che i governi Inglese, Americano e Tedesco sono stati impegnati, durante e dopo la guerra fredda, a progettare aeromodelli sferici, a disco ed a croce (attualmente in Arizona c'è una dimostrazione pubblica del volo di un aereomodello a "disco" progettato e costruito dai militari americani nel 63)... mi sono convinto ancora di più che ci sono molte più probabilità che ciò che "non è identificato" sia in realtà qualcosa di umano tenuto segreto, piuttosto che qualcosa di extraterrestre.

Viaggiare da un sistema solare all'altro, ci spero ma non ci credo. Ci spero perché è il mio sogno poter dire "preparatevi al balzo nell'Iperspazio!", non ci credo perché la Fisica dice che se non è impossibile poco ci manca.
Quindi fino alla prossima rivoluzionaria teoria scientifica scommetto sul no.
Haikus are easy,
but sometimes they don't make sense.
Refrigerator.
Avatar utente
lozeno
Master Senior
Master Senior
 
Messaggi: 623
Iscritto il: lun nov 12, 2007 1:00 am
Località: Parma

Messaggioda John_Bonebreaker » mar apr 14, 2009 8:35 pm

Io credo nella vita extraterrestre.

Miliardi di sistemi solari con possibili miliardi di pianeti simili alla Terra e abitabili nonchè ideali per lo sviluppo di vita, e solo noi esisteremmo? Assurdo.

Se la razza umana non saprà darsi una regolata nei prossimi 100 anni, allora non riuscirà mai a intraprendere ricerche e progetti comuni atti a sviluppare la scienza e a liberarci dai nostri limiti fisici. Intesi come il limite stesso che la nostra scienza fisica ha: la velocità della luce.

Esistono progetti (da un paio di decenni buoni) che dimostrano come sia possibile raggiungere con una vela solare tale velocità in circa 2 anni; e raggiungere con essa Plutone in meno di uno.

Intorno al 2020 è prevista la costruzione in orbita di una specie di "cannone gauss". Che non sarà un'arma ma bensì un raggio di "spinta" per navicelle senza propulsione che permetterà di raggiungere Marte in circa 2 settimane (al posto di mesi di viaggio).

Sappiamo che nell'universo ci sono episodi in cui la velocità della luce viene superata, ma la nostra scienza non riesce ancora a computarla in maniera matematica.

Per noi i 300000 Km/s sono la velocità massima raggiungibile e attualmente il nostro limite.

La domanda è semplice: cosa succede quando si supera tale velocità?
In mancanza di un modello matematico è attualmente impossibile rispondere a tale domanda e quindi sviluppare di conseguenza una scienza in questo senso.
John Bonebreaker
Avatar utente
John_Bonebreaker
Anziano Maestro Jedi
Anziano Maestro Jedi
 
Messaggi: 968
Iscritto il: mar nov 13, 2007 1:00 am

Messaggioda Nahafas » mar apr 14, 2009 9:46 pm

Dato che ho posto il problema provo a dare una risposta anch'io...

Per quanto riguarda la vita (qualsiasi forma di vita, non necessariamente senziente) su altri pianeti del nostro o di altri sistemi solari, credo fermamente che esista, anche se di recente io e Diego ci siamo interrogati sul fatto che abbia o meno le stesse basi biochimiche di quella sulla Terra.
Per intenderci, quando Lando in "La crisi della flotta nera" scopre che i Quella hanno un codice genetico che si basa su una ventina di basi azzotate io mi sono scandalizzata, mentre D sosteneva che in effetti secondo lui poteva essere possibile... la verità è che nessuno potrebbe dirlo con certezza...
Quindi, se si pone che le basi biochimiche siano le stesse, allora si potrebbe anceh provare a prevedere ua serie di forme di vita su determinati pianeti conoscendone le caratteristiche climatico/atmosferiche, in caso contrario... beh, la cosa prevederebbe troppi gradi di libertà.

Per quanto riguarda il viaggio alla velocità luce e gli UFO, basandoci su tantissime teorie ARCHEOLOGICHE, specie aliene ci hanno già visitati...
Alcuni sostengono anche che alcune divinità altro non fossero che extraterrestri.
Mi intriga anche moltissimo la teoria Maya che sostiene che nel 2012 ritorneranno "I Maestri delle Stelle".

Se succede, voglio davvero esserci :)
Ad ogni modo anche io ritengo che gli UFO che si avvistano oggi siano per lo più modelli di aeromobili particolarmente sofisticati, ma credo anche che, ponendo che altre specie aliene esistano e magari da molti più miglioni di anni di noi, possano aver raggiunto la tecnologia necessaria a raggiungerci. :)
Avatar utente
Nahafas
Maestro Jedi
Maestro Jedi
 
Messaggi: 382
Iscritto il: gio set 04, 2008 12:00 am
Località: Ciano d'Enza (RE)

Messaggioda Ghauniss » mer apr 15, 2009 3:27 am

Beh, per quanto riguarda la vita extraterrestre lo Zeno ha già praticamente detto tutto, sia sull'esistenza che sulle presunte manifestazione su questo pianeta.

Riguardo al viaggio spaziale a lungo raggio, io mi sento decisamente ottimista a riguardo, anche se abbastanza sicuro che noi non riusciremo ad assistervi. Tuttavia l'essere umano ha dimostrato resistenza e caparbietà fuori dal comune nella sua seppur breve storia tanto da riuscire persino a sopravvivere a se stesso, almeno epr ora, quindi sono sicuro che prima o poi raggiungerà e colonizzerà altri pianeti, quale che sia il metodo che userà poco mi interessa, ma sono sicuro che ci riuscirà!
Keth Chalco,
Allievo pilota della Nuova Repubblica, riparatore di fiducia dell'armatura di Castor.

VIENI MECO BEL TRICHECO!
Avatar utente
Ghauniss
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: ven feb 20, 2009 1:00 am
Località: Arezzo

Messaggioda Sberla » mer apr 15, 2009 11:14 am

argomento che mi intriga e mi affascina assai.... purtroppo avete già detto tutto! :lol:

per le forme di vita quoto in pieno lozeno e gli altri; innumerevoli sistemi esistenti fanno si che le probabilità di vita (vita come la possiamo intendere o noi o anche in "altre forme" appunto) siano altissime. Sul come poi, certo è abbastanza difficile immagginare.

per i viaggi iperspaziali l'attuale tecnologia ma soprattutto, come diceva sempre lozeno, le attuali conoscenze fisiche e matematiche non ce lo permettono; bisognerà attendere un paio di decenni (non di più secondo me :wink: ) che l'attuale fisica cosiddetta di frontiera approfondisca gli studi quali l'antimateria e, perchè no, dare una nuova interpretazione e soprattutto applicazione alla teoria della relatività (a mio avviso ancora agli albori della nostra comprensione), per aprire nuovi orizzonti e interpretazioni; sarebbe anche ora dato che, apparte la "piccola parentesi" della scissione dell'atomo in quanto a rivoluzioni scientifiche nel campo della fisica vera e proprio siamo fermi da più di due secoli......

(vabbè forse qui ho esagerato un po :lol: )

ultima cosa che ho notato emergere: l'autodistruzione della razza umana.
io sono scettico su questo; mi spiego: diciamo sempre che se non si fa qualcosa nel giro di pochi decenni al massimo tra un secolo il nostro pianeta sarà invivibile ecc ecc... e questo è verissimo; ma non consideriamo che si, con questo andazzo la terrà sarà invivibile ma per NOI che ci viviamo ADESSO. Tra un secolo il tasso di monossido di carbonio e di polveri sottili potrebbe essere il triplo ma non saremo noi a respirare. Non fraintendete non è menefreghismo; riflettete: se un abitante delle stesse nostre regioni vissuto 100 anni fa venisse con una macchina del tempo portato ai giorni nostri come reagirebbe? semplice, cancro ai polmoni alla prima "boccata d'ossigeno", intossicazione alimentare al primo pasto, e cose cosi.... EVOLUZIONE semplicemente evoluzione della razza! la razza umana tra un secolo avrà polmoni atti a respirare e a smaltire/filtrare quantità più elevate di quelli che per noi sarebbero veleni...

poi certo, se tutte le nazioni simultaneamente si lanciassero addosso tutte le testate nucleari... quella è un'altra storia :roll:
John Peck
Governatore del Sistema Corelliano

---
Mahn uhl Fharth bey ihn valle
Avatar utente
Sberla
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mar nov 04, 2008 1:00 am
Località: Terni

Messaggioda Nimboya » mer apr 15, 2009 11:56 am

Io credo proprio che esistano altre forme di vita... magari più indietro di noi, magari più avanti di noi chissà. Magari noi non riusciamo a vederle oppure a pensare che siano vive perchè la loro chimica si basa su Silicio o Gerranio (cosa possibile fra l'altro...) e non sul Carbonio come ci basiamo noi miseri umani :P

Inoltre vorrei dissentire sulle affermazioni a riguardo della fisica di Sberla. Senza le scoperte fisiche degli ultimi anni ci potremmo scordare i computer, i telefonini, internet e anche solo pensare di andare sullo spazio. Queste sono solo le cose accessibili a tutti. Se poi andiamo a parlare in campo chimico, la fisica ha dato enormi contributi in questo secolo: modello atomico, termodinamica e, fondamentale, la spettrografia/cristallografia ( :alfred: ) senza la quale... io non potrei fare la facoltà che seguo :trnllmed:

The more you know. :iuttoo:
Generale_Stardust ha scritto:Ben venuta cara la mia checca!

Nimboya ha scritto:Tutta Invidia.
Avatar utente
Nimboya
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
 
Messaggi: 137
Iscritto il: lun set 22, 2008 12:00 am
Località: Reggio Emilia (a Parma per la scuola)

Messaggioda Nahafas » mer apr 15, 2009 11:57 am

Guarda, Sberla, da genetista mi sento di dirti che non è così semplice...
L'evoluzione si realizza su due meccanismi : MUTAZIONE e SELEZIONE.
Ciò significa che prima deve avvenire un evento del tutto casuale che produca in un individuo un vantaggio evolutivo.
Al che, in una società con valori completamente diversi da quella degli uomini primitivi, questo dovrebbe potersi riprodurre con maggiore efficienza e trasmettere quindi il carattere vantaggioso alla sua progenie.
Il processo richiede centinaia di anni anche per le variazioni più piccole e comunque comporta che questo "vantaggio evolutivo" sia molto evidente e favorisca la riproduzione dell'individuo mutato.
Pensa a Waterworld... il personaggio di Costner ha dei caratteri incredibilmente vantaggiosi, ma proprio perchè diverso viene perseguitato...
Credo sia molto indicativo del carattere fortemente conservatore della razza umana odierna...
Pensa solo alla xenofobia.
Geneticamente qualunque donna dovrebbe voler avere figli da uno di colore perchè la sua prole avrebbe maggiori probabilità di sopravvivere alle radiazioni solari...
Invece da sempre il nero è discriminato...
Pensa ad uno verde che fa la fotosintesi clorofilliana... :)
Avatar utente
Nahafas
Maestro Jedi
Maestro Jedi
 
Messaggi: 382
Iscritto il: gio set 04, 2008 12:00 am
Località: Ciano d'Enza (RE)

Messaggioda Ian_Chaka » mer apr 15, 2009 12:28 pm

Mmmh bel topic in un forum di guerre stellari dove ognuno di noi essendo inprimis fan del famosissimo Star Wars spera che esistano forme di vita per chissà magari un giorno poter essere su una navicella in giro per lo spazio profondo :D

Detto sto preambolo, veniamo alle varie sezioni:

La vita su altri pianeti esiste con molta probabilità, è pressochè impossibile che con la multitudine di pianeti e la vastità dell'universo non vi sia un altro ammasso di materia solida che ospiti vita...
come sia fatta??? beh di una cosa son quasi sicuro sicuramente non uguale a noi...perchè sarebbe improbabile che si siano verificate le medesime condizioni cioè dovremmo trovare un esatto doppione della terra con un trascorso uguale e una storia evolutiva identica...

Gli avvistamenti e i cerchi sul grano son solo esche commerciali...
Se una specie è tanto evoluta da arrivare fino a noi si mette a scrivere sul grano cerchietti??? mmh ne dubito

Per quanto riguarda l'uomo se nel futuro può viaggiare nello spazio beh...
negli ultimi 100 anni abbiamo fatto passi da gigante con progressi tecnologici immensi in pochi decenni.
Ma per poter concepire una cosa del genere ci vuole immense quantità di denaro spese in ricerche e quindi devono esserci degli interessi molto molto alti per far muovere tali somme.
Non vedo un limite sull'uomo come inventore ma un limite sull'uomo come volere una cosa...
Se un uomo vuole qualcosa può ottenerlo!!!
"La libertà porta alla morte. L'indipendenza non è
giustizia. L'Impero è la tua Casa. O Con l'Impero o contro l'Impero."


L'IMPERO: I BUONI SIAMO NOI!
Avatar utente
Ian_Chaka
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
 
Messaggi: 176
Iscritto il: mer set 17, 2008 12:00 am

Messaggioda Nahafas » mer apr 15, 2009 12:37 pm

Ian_Chaka ha scritto:
Per quanto riguarda l'uomo se nel futuro può viaggiare nello spazio beh...
negli ultimi 100 anni abbiamo fatto passi da gigante con progressi tecnologici immensi in pochi decenni.
Ma per poter concepire una cosa del genere ci vuole immense quantità di denaro spese in ricerche e quindi devono esserci degli interessi molto molto alti per far muovere tali somme.
Non vedo un limite sull'uomo come inventore ma un limite sull'uomo come volere una cosa...
Se un uomo vuole qualcosa può ottenerlo!!!


Di fatti ho aperto questo topic sperando che uno di noi, nel caso diventi plurimiliardario si decida a spendere un po' di soldi per la ricerca astronomica ;)
Avatar utente
Nahafas
Maestro Jedi
Maestro Jedi
 
Messaggi: 382
Iscritto il: gio set 04, 2008 12:00 am
Località: Ciano d'Enza (RE)

Messaggioda lozeno » mer apr 15, 2009 12:48 pm

Sberla ha scritto:Tra un secolo il tasso di monossido di carbonio e di polveri sottili potrebbe essere il triplo ma non saremo noi a respirare. Non fraintendete non è menefreghismo; riflettete: se un abitante delle stesse nostre regioni vissuto 100 anni fa venisse con una macchina del tempo portato ai giorni nostri come reagirebbe? semplice, cancro ai polmoni alla prima "boccata d'ossigeno", intossicazione alimentare al primo pasto, e cose cosi.... EVOLUZIONE semplicemente evoluzione della razza! la razza umana tra un secolo avrà polmoni atti a respirare e a smaltire/filtrare quantità più elevate di quelli che per noi sarebbero veleni...

Come ha detto Nahafas, l'evoluzione NON funziona così.
Tra cento anni ci saranno i figli dei tuoi figli: se i tuoi geni dominanti non cambiano (cioè MUTANO) in tempo DUE GENERAZIONI, avranno gli stessi polmoni che hai tu.
E infatti, i nostri polmoni sono gli stessi degli uomini di oltre mille anni fa: l'ultimo rilevante cambiamento genetico esteso a tutta la specie umana (ovvero, l'ultima mutazione che ha comportato un reale adattamento all'ambiente) risale a circa 7000 anni fa, e si tratta di una mutazione a livello di DENTATURA (il secondo adattamento dei denti della specie Homo Sapiens alla vita agricola e all'alimentazione vegetale).

Tutti i cambiamenti genetici successivi sono sempre ridotti a livello di POPOLAZIONE: ad esempio, la popolazione europea ha sviluppato resistenze a determinate malattie, la popolazione africana ha sviluppato resistenze ai raggi UV, la popolazione nativa americana ha sviluppato un metabolismo più adatto ai cereali, la popolazione russa e nordica in generale ha sviluppato un metabolismo più adatto ai latticini.

Sui polmoni, però, così come per il cervello, il sistema nervoso in generale, e la struttura ossea, fatta eccezione per la forma dell'osso temporale e per la "statura" dello scheletro (libro di genetica evolutiva della mamma alla mano), non ci sono stati mutamenti evolutivi.

Ti dirò di più: il dottor Kauffman qui, espone in un lungo capitolo la correlazione che c'è tra l'aumento dei metalli pesanti nell'aria e l'aumento delle allergie nella popolazione mondiale.
Sintetizzo solo uno dei punti più interessanti: ai tempi dell'antica roma, le allergie erano la malattia dei ricchi, che vivevano in città con tutte le comodità tra cui l'acquedotto, che però negli ultimi tratti era spesso fatto di tubature di piombo (a Pompei ed Ercolano si vede bene, se qualcuno c'è stato). Con la sparizione delle tubature di piombo, le allergie sono scomparse (il piombo rilascia parti di metallo nell'acqua). Con la rivoluzione industriale, sono ricomparse le allergie in Inghilterra prima e negli altri paesi poi. L'insorgenza di allergie, negli ultimi tre decenni, è aumentata e diminuita di pari passo con l'aumento e la diminuzione del PM10 (polveri sottili) nelle città.

Ora vado a riporre il libro prima che mia mamma si accorga che gliel'ho preso...
Haikus are easy,
but sometimes they don't make sense.
Refrigerator.
Avatar utente
lozeno
Master Senior
Master Senior
 
Messaggi: 623
Iscritto il: lun nov 12, 2007 1:00 am
Località: Parma

Messaggioda alkir » mer apr 15, 2009 4:26 pm

Il mio modestissimo parere si riassume in poche righe:

L'uomo è una creatura presuntuosa ed egocentrica.
Si considera al centro dell'universo.

Dopo secoli di scoperte l'uomo si è reso conto che, dal punto di vista strettamente "fisico" non è così, ma fa parte di un puntino infinitesimale di qualcosa talmnte vasto da non poter essere immaginato facilmente. Eppure si comporta ancora come se fosse tutto suo. Basti solo pensare come molti testi "scientifici" pongano il dilemma della vita oltre la Terra. Ma quale dilemma mi dico io? E' assolutemente presuntuoso pensare che nell'Universo l'unico pianeta abitato fa forme di vita sia il nostro. Ma stiamo scherzando? E' vero che non abbiamo nessuna prova concreta ( e se ne abbiamo è solo alla portata di pochissimi...... vedi EGOCENTRISMO) ma vista la vastità di stelle, sistemi, pianeti, lune etc etc etc è inverosimile pensare il contrario.
Anche solo per le leggi delle probabilità la risposta sulla vita possibile in altri pianeti è ovviamente una: 42.... ahahah , no, ovviamente è Si.

Sul resto non mi ci metto nemmeno a discuterne. Non ho abbastanza tempo a disposizione per esporre i miei pensieri ^^ Non vorrei morire di vecchiaia sulla tastiera :P

Ciuz
Alkir
Grosso Membro del Forum
Banana Secolare.
Avatar utente
alkir
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 2703
Iscritto il: dom nov 11, 2007 1:00 am
Località: Moneglia (Ge)

Messaggioda Ghauniss » mer apr 15, 2009 4:30 pm

Come giustamente hanno fatto notare persone più scientificamente colte di me, l'essere umano ha smesso da un po' di evolversi ed è difficile che si rievolva in tempi molto brevi ma questo, sinceramente, non mi preoccupa molto. L'essere umano ha smesso di evolversi, ma ha scoperto un'alternativa molto più rapida dell'evoluzione e dell'adattamento all'ambiente, cioè, l'adattamento dell'ambiente a se stesso. Questo gli ha anche permesso di "conquistare" lo spazio, portandosi dietro un pezzo di "casa" ed in questo modo, se succederà, l'uomo arriverà a spostarsi fra i corpi celesti e, possibilmente, a colonizzare altri pianeti. Ma tutto il problema è, tanto per citare anche Ian Chaka, la motivazione, il volere qualcosa, ed anche per questo sono molto pessimista riguardo i tempi in cui l'uomo si muoverà di nuovo verso le stelle. Infatti, sebbene l'uomo sia stato capace di grandissime cose, le ha sempre realizzate in base ad una spinta specifica, una risposta ad un bisogno ben preciso, perseguendo, insomma, un obbiettivo ben definito e non un semplicissimo "andiamo a conquistare le stelle". Fin'ora, a parte relativamente pochi, il bisogno di allontanarsi da questo pianeta non è molto sentito, le priorità sono altre e, finchè non avremo esaurito le priorità, o allontanarsi dal nostro pianeta natio non diventerà una priorità, temo che verrà fatto molto poco verso la ricerca spaziale.
Keth Chalco,
Allievo pilota della Nuova Repubblica, riparatore di fiducia dell'armatura di Castor.

VIENI MECO BEL TRICHECO!
Avatar utente
Ghauniss
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: ven feb 20, 2009 1:00 am
Località: Arezzo

Messaggioda lozeno » mer apr 15, 2009 4:59 pm

Ghauniss ha scritto:Come giustamente hanno fatto notare persone più scientificamente colte di me, l'essere umano ha smesso da un po' di evolversi

Nahafas può spiegarlo meglio di me, ma non è che ha smesso: è che due generazioni non bastano a far si che si sviluppi una mutazione, e che l'ambiente (tramite la selezione naturale) favorisca la riproduzione di quegli individui dotati della mutazione a scapito degli individui NON dotati della mutazione.

Che poi, in realtà va considerato che i cambiamenti ambientali non influenzano SOLO l'uomo, ma tutti gli organismi viventi a base di carbonio (= animali, vegetali, funghi, protisti, monere). Se l'atmosfera cambia, in qualsiasi modo, a doversi adattare non è solo l'uomo ma tutti gli organismi che con l'atmosfera hanno a che fare, anche indirettamente. Del tipo, se anche l'uomo "evolve" e si adatta ad un ambiente inquinato, ciò non garantisce che anche le piante e gli animali di cui ci nutriamo si evolvano NELLA STESSA DIREZIONE, e se anche lo fanno non è detto che lo facciano CON LA NOSTRA VELOCITA'.

Basta ricorda che, a causa di un "semplice" aumento improvviso di tre gradi celsius (3°C) della temperatura globale, nel periodo Tardo Devoniano si è estinto il 70% della vita terrestre (nota: 70%, mica bruscolini), e nel Cretaceo, a causa (forse) di un meteorite che ha riempito di polveri l'aria e che ha raffreddato il pianeta oscurando i raggi solari si è estinto oltre il 60% dei viventi (tra cui, è noto, i dinosauri).

Ok, sto divagando.
Aprirò un altro topic.
Haikus are easy,
but sometimes they don't make sense.
Refrigerator.
Avatar utente
lozeno
Master Senior
Master Senior
 
Messaggi: 623
Iscritto il: lun nov 12, 2007 1:00 am
Località: Parma

Prossimo

Torna a Cantina di Mos Eisley

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite