Ritorno alla Forza

Scrivete qui i vostri racconti o storie che esulano dal "giocato" delle partite. Per evitare malintesi, i Topic verranno letti dallo staff prima di essere pubblicati. Le informazioni presenti in questa sezione sono da considerarsi di dominio pubblico e quindi "In Gioco"

Moderatore: alkir

Ritorno alla Forza

Messaggioda Lhou The Angel » dom feb 11, 2018 7:47 pm

Ottavo giorno, decimo mese, anno 137 ABY, l'Argo aveva da poco lasciato la superficie di un pianeta dove gli ex membri delle squadre speciali avevano vissuto un giorno davvero difficile da dimenticare.
E l'esterno della sala medica dell'astronave era gremita con molti dei membri della squadre speciali repubblicane, più un cavaliere jedi recentemente preso agli arresti da Valen, a cui era però stato concesso di vegliare sulla persona attualmente sotto i ferri in sala medica.
Nessuno spiccicava una parola da oltre due ore, da quando erano risaliti sulla nave sfuggendo quasi per miracolo a due droidi distruttori incredibilmente potenti.
Hikari fumava un sigaro, di tanto in tanto sorseggiando da una fiaschetta, probabilmente di proprietà di Nyquist, ora seduto in posizione di meditazione, ad occhi chiusi, accanto a Tral.
Sberla in silenzio, immobile poggiato ad un muro poco più in la, e così altri. Gli unici suoni provenivano dall'interno della stanza, o dai passi sul pavimento metallico di qualcuno che faceva nervosamente avanti e indietro.
Improvvisamente poi, come erano cominciati, i suoni all'interno della sala medica finirono, e la porta scorrevole si aprì, rivelando la stanza ancora asettica dopo la lunga operazione di cyberchirurgia.
<<Potete entrare, ora.>> Si sentì uscire la voce elettronica del droide medico dall'interno, e tutti -o quasi- cominciarono ad entrare nella stanza.
Lhou-Ren era sdraiato sul lettino, il braccio ancora mancante, il moncherino cauterizzato ma privo dell'innesto biomeccanico. Il cavaliere jedi era attaccato ad una flebo, ma senza respiratore, e sembrava respirare tranquillamente, quasi come se stesse dormendo, nonostante il dolore lancinante che probabilmente provava ancora, avendo rifiutato gli analgesici e l'anestesia.
<<Purtroppo l'operazione non ha dato nessun risultato.>> Risponde quindi il droide, simulando dispiacere e tristezza, quando il gruppo di persone lo osserva in cerca di risposte <<Per dirla tutta, mi chiedo come possa essere ancora vivo. Con la quantità di sangue che ha perso, il suo cervello dovrebbe essere cerebralmente morto da almeno due ore, non trovo una motivazione scientifica di come possa...>> Prosegue a spiegare, ma la voce del jedi lo interrompe <<E' la Forza...>> Dice, in poco più che un sussurro dal lettino <<La Forza, droide, mi concede abbastanza vigore da superare il decadimento del mio corpo...>> Prosegue, tossendo poi un paio di volte.
<<Lhou-Ren!>> Esclamò Tral, raggiungendo il letto con il compagno jedi, seguito immediatamente da Nyquist.
<<Purtroppo, non mi rende così resistente da sopravvivere ancora a lungo... Mi concede... Di salutarvi un ultima volta...>> Sussurra il ragazzo con un sorriso sereno.
Nessuno nella stanza sembra singhiozzare, ma lo sguardo di tutti i presenti è indurito dalla tristezza del momento. Perfino Icari, sembrava freddo e duro come al solito, ma qualcuno che lo conosceva bene avrebbe potuto percepire della tristezza nelle minime smorfie sul suo volto e l'ombra sui suoi occhi.
Tristezza, oppure fastidio. Difficile dire con lui.
<<Non siate tristi... E' il volere della Forza...>> Commenta quindi il jedi, sempre sorridendo serenamente <<Tornerò ad essere un tutt'uno con essa... Sarò sempre con voi, sempre al vostro fianco, e anche se non potrete vedermi, vi accompagnerò nel vincere questa guerra e sconfiggere i sith, ve lo prometto...>> Prosegue, sussurrando, alzando una mano ed afferrando il braccio di Tral.
<<Fratello... Sei sempre stato più saggio di me e della mia imprudenza...>>
<<... Non è vero Lhou...>>
<< Si che lo è. Guidali. Mi dispiace lasciare sulle tue spalle questo fardello, ma dovrai fare tu per entrambi. E so che renderai fiero me, e tutto l'ordine...>> Prosegue, interrompendo l'altro che aveva provato ad interromperlo a sua volta <<E anche se so che la odierai... Che la odi già... Perdona Aria. Non è colpa sua, e lo sai. L'ho spinta io su quella strada, io mi son preso la responsabilità delle mie scelte, ed è giusto che mie siano le conseguenze...>> Si interrompe, tossendo ancora un paio di volte, voltando lo sguardo anche su Theodor <<Vegliate entrambi su di lei... Vi prego. Lo farò anche io, per quanto possibile. Spero che sarò un ancora abbastanza forte, da non farla cedere... Ma sono sicuro, che vincerete.>> Conclude, sempre sorridendo.
<<Addio, Junior...>> Sussurrò Sberla, guardandolo negli occhi, e lui annuì <<Grazie... Sei stato il miglior mentore che potessi desiderare amico mio...>> Gli rispose in un sussurro il jedi.
<<Lhou... Grazie di tutto.>> Gli dice l'altissimo capitano biondo, abbassandosi verso il lettino, afferrando a sua volta il braccio del jedi, stringendolo delicatamente <<Ti porteremo su Dantooine. Te lo prometto.>>
<<Grazie amico mio... Grazie a tutti...>> Prosegue il jedi, gli occhi che iniziano a chiudersi <<E' stato un piacere ed un onore conoscevie combattere con voi...>> La voce si fa via via più flebile <<...E... Non... Tornerei... Indietro... Per nulla... Al... Mon...Do...>> Concluse, spegnendosi e lasciando accasciare la mano fra quelle dei due amici.
Lhou The Angel
Padawan
Padawan
 
Messaggi: 23
Iscritto il: mar nov 09, 2010 3:07 am

Torna a Racconti e Storie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite